Le Dolomiti – Patrimonio mondiale UNESCO

Le montagne più belle del mondo

La vera bellezza, si dice, sta negli occhi di chi guarda. Da sempre, il leggendario paesaggio dei monti pallidi cattura su di sé sguardi pieni di meraviglia. Che si tratti di maestose pareti rocciose o di fiabesche torri di pietra, la varietà delle forme delle Dolomiti esercitano sempre una magia quasi ipnotica in grado di mutare costantemente a seconda dell’ora del giorno e di attirare a sé l’ammirazione dei visitatori. Uno spettacolo assolutamente speciale lo offre poi il fenomeno della famosa “enrosadira”, l’esplosione serale di colori che accompagna il tramonto. Durante questi incantati minuti gli ultimi raggi di sole regalano a pareti e vette tutti i toni del rosa e dell’arancio.

Ammiratori illustri

“Non sono le montagne più alte del mondo ma sono certamente le più belle”, afferma la superstar degli scalatori Reinhold Messner. Altoatesino di nascita, nel corso della sua carriera Messner ha conquistato le vette più alte e impegnative del mondo ma, nonostante ciò, da vero figlio delle Dolomiti, anche lui non sfugge al fascino di questi monti eccezionali.

Reinhold Messner non è l’unico ammiratore delle Dolomiti. Quando, alla fine del XIX secolo, nacque l’alpinismo moderno, Paul Grohmann fece conoscere le Dolomiti al pubblico internazionale. Il viennese fu infatti il primo scalatore a raggiungere le vette del Sasso Lungo in Val Gardena e delle Tre Cime nelle Dolomiti di Sesto. Alle cime che tanto amava dedicò inoltre numerosi libri. I monti pallidi, però, divennero ancor più famosi grazie ai film di e con Luis Trenker, un altro grande amante delle sue montagne di casa. Originario della Val Gardena Trenker fu architetto, scalatore, attore e regista. Lo stesso Le Corbusier, il grande architetto del Movimento Moderno, condividendo il pensiero dei famosi alpinisti, ha definito le Dolomiti “la più bella architettura naturale del mondo”.

Scoprire le Dolomiti su due ruote

Per scoprire il Patrimonio Mondiale UNESCO non bisogna per forza essere un esperto scalatore o un provetto esploratore: è possibile farlo egregiamente anche in bicicletta, mountain bike o e-bike. Perché non appena i leggendari monti pallidi si liberano della neve invernale, i passi dolomitici offrono affascinanti bike tour per tutti i livelli di preparazione e tutte le tecniche. Inforca la bicicletta e scopri il Patrimonio mondiale UNESCO lungo sentieri appositamente segnalati, vivendo in prima persona il fascino del maestoso scenario delle Dolomiti intorno alla Val Gardena.

Bellezza ufficiale

La bellezza delle Dolomiti, nel frattempo, è stata confermata anche ufficialmente: nel 2009 le Nazioni Unite hanno inserito questo paradiso naturale nella lista dei Patrimoni mondiali UNESCO – un grande onore per le cinque province coinvolte: Bolzano, Trento, Belluno, Udine e Pordenone. Ciò inserisce le Dolomiti tra i 199 paesaggi considerati i più belli e preziosi del mondo. Un’eredità che deve essere mantenuta e protetta per le generazioni a venire.